Mobilità green in Italia: E-bike e monopattini elettrici sempre più presenti

In seguito alla crisi sanitaria mondiale del 2020, è emersa (in tutto il territorio nazionale) una criticità per lungo tempo ignorata, specialmente nelle grandi città: l’affollamento dei mezzi pubblici.

L’affollamento dei mezzi pubblici, infatti, limita il distanziamento sociale, che è il principale accorgimento per il contenimento dei contagi.
Per tale ragione, il governo italiano è intervenuto immediatamente, cercando di trovare soluzioni rapide per limitare quanto più possibile l’affollamento dei mezzi pubblici.

Spinti da una politica sempre più ‘green’, quindi indirizzata verso l’abbattimento dei livelli di inquinamento dovuto ai veicoli inquinanti (e di inquinamento in generale, in quanto si cerca di agire su più settori), è stata trovata una soluzione grazie a veicoli elettrici come monopattini ed E-bike.

In questo modo è stato possibile ridurre gli assembramenti, limitando fortemente i livelli di traffico e d’inquinamento dovuti ai veicoli tradizionali.

Bonus statali: il Bonus Bici
Affinché si incentivasse l’utilizzo di veicoli elettrici come biciclette e monopattini, il governo ha fatto sì che nel Decreto Rilancio, attivato il 4 Maggio 2020, vi fosse un incentivo chiamato ‘Bonus Bici’.

Grazie a questa iniziativa, si è fortemente favorita la diffusione di una modalità più sostenibile, sia nel breve periodo, sia, soprattutto, nel lungo termine.
L’obiettivo, infatti, è quello di incoraggiare i cittadini a muoversi all’interno delle città tramite mezzi non inquinanti, sostenendo la lotta contro l’inquinamento ambientale.

Questo Bonus Mobilità, infatti, garantirà un contributo da parte dello stato pari al 60% della spesa del mezzo acquistato, da utilizzare per l’acquisto di biciclette (sia tradizionali, sia a pedalata assistita), sia per monopattini elettrici, così come per abbonamenti per i servizi di sharing (ovviamente le auto sono escluse) e i segway.
In qualsiasi caso, il Bonus Mobilità non potrà superare i 500 euro, ed è stato da poco rinnovato per l’anno 2021.

Per poter sfruttare il Bonus Mobilità, bisognerà essere maggiorenne e avere la residenza in città popolate, come capoluoghi di provincia o comunque città con oltre 50mila abitanti.

Questi incentivi hanno garantito una forte spinta verso l’acquisto di veicoli elettrici per numerose ragioni: molte persone vedono i veicoli elettrici come un’ottima alternativa per muoversi da casa a lavoro senza spendere soldi per i veicoli.

Infatti, a differenza dei veicoli tradizionali, i bici e monopattini elettrici non hanno alcun costo mensile/annuale, il che li rende estremamente vantaggiosi sotto il punto di vista economico.

Non sarà infatti necessario usufruire di assicurazioni, servizi di manutenzione, o rifornire il carburante.
Probabilmente, infatti, è stato l’incentivo al risparmio il principale ‘motore’ d’acquisto dei veicoli elettrici.

Servizi per la mobilità
Com’è normale che sia, i cittadini che hanno acquistato veicoli elettrici, supportati dalle associazioni per i cittadini, hanno chiesto ai vari comuni la presenza di maggiori spazi per il loro utilizzo.

Infatti, la mobilità urbana attuale limita fortemente l’utilizzo di monopattini elettrici ed E-bike, in quanto pianificata con una precedente situazione in cui il veicolo inquinante era l’unica via (o quasi) per potersi muovere all’interno delle città.

Grazie alla spinta ‘green’, probabilmente, queste richieste verranno ascoltate e col passare del tempo verranno messi maggiormente a disposizione un numero sempre maggiore di spazi in cui sfruttare questi mezzi.

L’esempio principale viene da Milano: protagonista di una vera e propria rivoluzione urbana, ha avviato la modifica della struttura della città con la costruzione di ben 35 km di piste ciclabili, con nuove ‘zone 30’.

L’ambizioso progetto, presentato dall’Assessore alla mobilità Marco Granelli, ha ricevuto l’attenzione del ‘The Guardian’ e un plauso da parte di Greta Thunberg.

Trend Green in continua crescita
La mobilità green in Italia rappresenta quindi un trend in continua crescita, agevolato anche dalla necessità di un cambiamento sotto questo punto di vista a causa della pandemia mondiale che nel 2020 ha rivoluzionato il modo di vivere nel mondo.

Unendo le attività necessarie a contenere la pandemia e l’ingegno per gli sforzi utili al futuro, si è riusciti a raggiungere l’obiettivo di una mobilità sempre più green.

A conferma di ciò, le ricerche online hanno mostrato un aumento di circa il 200% per quanto riguarda i veicoli elettrici, e un aumento delle vendite di ben il 60%.
Numeri enormi per il settore elettrico.

Nel lungo termine, l’utilizzo di incentivi, combinato con la sensibilizzazione della popolazione mondiale, potrebbe portare a riscontri sempre più positivi per quanto riguarda la sostenibilità a lungo termine, col fine di garantire alle generazioni future un mondo sempre più sano.

Reply